L'acqua è il simbolo della vita e della purezza. L’abbondanza di sorgenti, corsi d’acqua, acquiferi e infrastrutture di distribuzione rende estremamente difficile la percezione di un bene in pericolo, il cui venir meno potrebbe non essere percepito. Fra pochi anni questo problema potrebbe manifestarsi e il recupero, trattamento e riutilizzo dell’acqua piovana e delle acque reflue può essere un’ottima soluzione da applicare, sia per quanto riguarda la riduzione dei consumi di acqua potabile che per la riduzione dei volumi scaricati in fognatura, ultimamente causa di ingenti danni a cose e persone durante gli eventi meteorici di forte intensità. In Italia non sono ancora state emanate norme UNI specifiche per la progettazione, realizzazione, manutenzione e conduzione degli impianti di raccolta e recupero acqua piovana. L’unica norma specifica che oggi esiste è la norma Tedesca DIN 1989-1-2-3-4. Si trovano poi norme o linee guida emanate da singole regioni, province e comuni ancora non presenti su tutto il territorio nazionale.
Tipo Seminario
Luogo Sede Ordine Ingegneri Frosinone
Regione Lazio
Comune Frosinone
Provincia Frosinone
Indirizzo Via Tommaso Landolfi, 167
Organizzatore Ordine degli Ingegneri di Frosinone
Durata 3,5 ore
Frequenza minima 3 ore
Costo Gratuito
CFP 3
Tipologia corso -
Iscrizioni Chiuse
Posti disponibili 80
Posti rimanenti 0
mercoledì, 23 maggio 2018
Inizio14:30
Fine18:00
Programma
PROGRAMMA SEMINARIO  
14,00     Registrazione partecipanti  
14,15     Saluto di benvenuto e presentazione dell’incontro.  
14,30     Introduzione alle problematiche relative al trattamento dell’acqua meteoriche nei parcheggi, autofficine e stazioni di servizio e lavaggio secondo le normative nazionali D.lgs. n. 152 del 2006 e regionali (secondo le regioni) o locali. Strumenti, calcoli ed apparecchiature necessarie al trattamento delle acque per il rispetto della norma. Riferimenti; Decreto legislativo n°152 del 03/04/2006: norme in materia ambientale Decreto legislativo n°152 del 11/05/1999: disposizioni sulla tutela delle acque dall'inquinamento e recepimento della direttiva 91/271/CEE concernente il trattamento delle acque reflue urbane e della Direttiva 91/676/CEE relativa alla protezione delle acque dall'inquinamento provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole Delibera del Comitato dei Ministri per la Tutela delle Acque dall’Inquinamento del 04/02/1977: criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della L.10 maggio 1976, n°319, recante norme per la tutela delle acque dall'inquinamento Norma UNI-EN 1825-1: separatori di grassi - parte 1: principi di progettazione, prestazione e prove, marcatura e controllo qualità Norma UNI-EN 858-1: impianti di separazione per liquidi leggeri (ad esempio benzina e petrolio). Principi di progettazione, prestazione e prove sul prodotto, marcatura e controllo qualità Norma UNI-EN 858-2: impianti di separazione per liquidi leggeri (ad esempio benzina e petrolio). Scelta delle dimensioni nominali, installazione, esercizio e manutenzione  
16,00     Coffee break  
16,15     Sistema di recupero acqua piovana per riutilizzo in uso abitativo In Italia solo a partire dal 2007 hanno preso forma politiche che ne favoriscono la raccolta e il riutilizzo. La finanziaria 2008 – legge 244/2007, articolo 1, comma 288 – ha disposto che dal 2009 il rilascio del permesso di costruire sia subordinato al risparmio idrico e al reimpiego delle acque meteoriche. Già alcune regioni hanno legiferato in modo ancor più preciso, es. Lombardia, Toscana, Marche, Lazio, Puglia, Umbria, mentre le altre sono in fase di emanazione. Approfondimento delle normative nazionali e regionali, Costruzioni e calcoli di un impianto per il trattamento delle acque piovane.    
17,45     Dibattito  
18,00     Saluto arrivederci e chiusura lavori
Apertura Iscrizioni30-04-2018 18:00
Termine Iscrizioni22-05-2018 18:00

Siamo spiacenti le iscrizioni al corso si sono chiuse il 22-05-2018 alle 18:00
Sei già iscritto?
Puoi controllare lo stato della tua iscrizione (in attesa di conferma, in attesa di pagamento, attiva) o caricare la conferma di pagamento accedendo alla tua area personale.